Servizio clienti:
+44 (0)20 3936 4777 (EN)
:menu_label
 

News

 
Truffe online 8 nuovi metodi per metterti in difficolta’
Pubblicato : Lunedi,
May 28, 2018

Truffe online 8  nuovi metodi per metterti in difficolta’

Scopriamoli attraverso il report di Natwest

 

Un interssante reportage  di NatWest la famosa banca inglese e l’agenzia di ricerca The Future Laboratory, ci presenta nel report annuale un interessante prospettiva di quali possano essere le forme di truffe online messe in atto nel Regno unito nel 2018.

Vi riportiamo l’elenco e la descrizione delle 8 attivita’ individuate da Natwest alcune delle quali sono davvero insolite e ben studiate.

I truffatori online diventano sempre piu’ preparati e fantasiosi tale da poter mettere in difficolta’ anche gli utenti e gli utilizzatori piu’ esperti di app banking e dei sistemi di banking online .

 

Vale la pena una lettura per essere aggiornanti e preparati in caso potessero capitare anche a noi.

 

Nel rapporto  di  NatWest Digital Safety 2018  si evince che  i casi di truffa sono diminuti negli utilizzatori dei servizi di banking online, ma nello stesso periodo di tempo analizzato sono aumentati i casi di truffa per le transazioni e per gli utilizzatori delle app mobile per i servizi di gestione di sistemi  finanziari.

Spesso queste truffe vengono attuate inviando in messaggio privato o effettuando una chiamata, e utilizzando informazioni personali, in questo modo l’utente cade nell’ inganno  che l’interlocutore possa essere affidabile.

Ma come ci si arriva a queste informazioni e’ il lato veramente interessante e fantasioso.

Nel reportage sopracitato vengono riportate queste 8 attivita’ di truffa:

 

 

  1. Lo Spionaggio sui social media

 

Ancora una volta loro.

 

I Social media saranno sempre croce e delizia, amiamo ormai raccontare tutti i dettagli delle nostre vite sui network online. Questa gestione mediatica della nostra vita privata, permette ai truffatori online di reperire innumerevoli informazioni personali che poi vengono utilizzate contro di noi.

 

Come riportato nel reportage ecco un esempio:

 

 

  1. Malware o Virus su Smartphone.

I malware non sono altro che dei software che vengono utilizzati dai truffatori per spiare le abitudini di navigazione e di utilizzo delle prossime vittime. Questo Sistema molto diffuso e quasi limitato ai Pc e laptop, ora si sta sviluppando anche sui sistemi mobile.  Viene riportato nel reportage che la minaccia aumenta nei dispositivi che effettuano il cosidetto “jailbreak.

 

Il consiglio e’ quello di non manomettere per alcun motivo il software originale del dispositivo, di scaricare periodicamente gli aggiornamenti di sicurezza e sopratutto di installare applicazioni ufficiali e dagli store riconosciuti come Apple, Google e Microsoft App store.

 

  1. Brexit

 E si avete capito bene, Brexit potrebbe essere un problema anche per questo.

O meglio un motivo in piu’ per gli hacker di mettere in piedi una truffa.

Ad esempio a carico di quei consumatori che hanno deciso di lasciare un paese appartenete all’ UE o per quei soggetti maggiormente a rischio di dover lasciare la nazione.

Ad esempio quest’ ultimi potrebbero ricevere email e comunicati dove vengono avvertiti che Brexit potrebbe dimezzare i loro risparmi e che dovrebbero trasferirli velocemnte in un qualsiasi prodotto di investimento che ovviamente non esiste!

 

  1. Evento sportivo come i Mondiali di Calcio 2018

 

Tutti i fanatici e gli sportivi che non sono riusciti ad acquistare un biglietto per le partite che si disputeranno in Russia.

Nella loro ricerca di biglietti economici online o addirittura nella ricera di acquisto di trasporto e alloggio per poter seguire la nazionale del cuore, potranno incappare in compagnie false o esistenti per un periodo limitato abili a scomparire al momento piu’ opportuno ovviamente dopo aver intascato i soldi senza lasciare traccia.

 

Attenzione quindi ad acquistare da siti ufficili e ovviamente non credere alle favole di offerte quasi gratis.

 

  1. I matrimoni

 

Anche questo topic risulta di facile attacco per chi vuole effettuare una truffa economica.

L’ esponenziale aumento dei prezzi nell’ industria dei matrimoni fanno si che i neo-sposi siano facile preda di offerte speciali per quell giorno tanto atteso.

 

I truffatori possono creare siti falsi in pochi minuti e iniziare a vendere a prezzi stracciati i servizi tanto ricercati per l’ evento dal servizio forografico, il noleggio auto il catering ecc. E come il caso precedente una volta presi i soldi spariranno nel nulla.

 

  1. I muli di denaro

Consiste nel trovare determinati bersagli e sempre sui social reclutare i cosi’ denominati muli di denaro, che spesso sono utenti universitari. Questi ultimi ricevono i soldi rubati sui propri conti e gli viene richiesto di poi girarli spesso su un conto estero, un nuovo sistema per riciclare i soldi.

 

  1. Dating online

Sempre piu’ utenti utilizzano le app di dating online per conoscere nuove persone e perche’ no magari trovare l’amore. Il nuovo sistema e’ proprio basato su questo, i truffatori si nascondono dietro profili falsi e cercano di estrapolare dati sensibili e dettagli personali usando le funzionalita’ di messaggistica. I dati che si possono recuperare con questo metodo possono essere il nome dell’ animale domestico, in quale quartiere vive la persona, la squadra del cuore, il programma televisivo preferito. Costruendo una “relazione” con la persona i maleintenzionati possono ottenere la fiducia dell’ interlocutore ed e’ li che parte la truffa, ad esempio chiedendo dei soldi per il viaggio per effettuare un incontro.

 

  1. Acquisto di una casa.

 

Spesso durante l’ acquisto di una nuova casa, si effettuano transazioni magari inviando all’agenzia la caparra per bloccare l’acquisto, e’ qui che possono intervenire gli Hacker, intercettando lo scambio di email, e comunicando che i dati per il bonifico sono cambiati e li, il gioco e’ fatto.

 

NatWest ha redatto anche degli utili consigli da seguire, maggiori informazioni possono essere recuperate, sul sito ufficiale e il reportage di cui abbiamo parlato e’ consulatabile al link

 

 

Opal transfer e’ sempre attento a mantenere segrete tutte le informazioni dei suoi clienti, e ti ricordiamo che non inviamo informazioni dirette per richiederti dati personali.

Se dovessi ricevere qualsiasi informazione da parte nostra di cui non sei certo non esitare a contattarci e i nostri consulenti del servizio clienti saranno felici di aiutarti e a fornirti le informazioni necessarie su come proteggere il tuo Account Opal Transfer.

 

 

 

 

( fonte finextra)